UBER, DOMANI FERMO TAXI PER 14 ORE: NESSUN CORTEO PROTESTA

(OMNIMILANO) Milano, 10 GIU – Fermo dei taxi per 14 ore ma senza cortei e garantendo il servizio, anche radio, per disabili e anziani. Assicurano di voler limitare il più possibile i disagi alla città le auto bianche che parteciperanno domani allo sciopero proclamato a livello europeo «per la legalità contro l’abusivismo». Oggi nella sede di via Messina le organizzazioni di categoria hanno ribadito le motivazioni della protesta contro il servizio Uber, che oltre a Milano si svolgerà domani in altre capitali europee come Parigi, Barcellona, Berlino e Londra: «difendere le regole e la legalità del servizio pubblico», «non cedere il settore a una multinazionale che punta ai ricavi e non al servizio, senza nemmeno pagare tasse in Italia», «per difendere l’utenza da chi non utilizza un tassametro omologato» e «tutelare la sicurezza di chi trasportiamo», le principali ragioni portate dai tassisti. Per questo, fermo del servizio dalle 8 alle 22 ma i sindacati hanno deciso di «non organizzare cortei di protesta per non creare ulteriori disagi oltre alla mancanza del servizio taxi». Quindici le postazioni che funzioneranno sia come punti di presidio, per il volantinaggio e l’informazione ai cittadini, sia per fornire il servizio: i tre aeroporti, cinque stazioni ferroviarie, sette posteggi cittadini sia in centro sia in periferia. Garantito anche il servizio per anziani, disabili e malati: attivo anche il servizio radiotaxi per raccogliere le loro richieste, e verrà rispettata la fascia di garanzia notturna.