TAXI:’BASTA ABUSIVÌ,PROTESTA SINDACATI FUORI COMANDO VIGILI

CRO S43 QBXL TAXI:’BASTA ABUSIVÌ,PROTESTA SINDACATI FUORI COMANDO VIGILI ‘Comandante Clemente mantenga promesse su lotta all’abusivismò (ANSA) – ROMA, 1 DIC – Protesta dei tassisti nel pomeriggio davanti al Comando dei vigili urbani per chiedere risposte, in particolare dal comandante Raffaele Clemente, sulla lotta all’ abusivimo. «In piazza della Consolazione si svolge il funerale della legalità» affermano, in una nota, i sindacati Ugl taxi, Federtaxi Cisal, Fit Cisl taxi, Uil trasporti taxi, Ati taxi e Usb settore taxi, Anar – autonoleggiatori romani e Anaf – autonoleggiatori Fiumicino. – «La totale indifferenza delle istituzioni – affermano – davanti alla situazione di grave degrado in cui versa il settore del trasporto pubblico non di linea, con centinaia di abusivi che spadroneggiano indisturbati presso lo scalo aeroportuale di Fiumicino, la stazione Termini e moltissimi alberghi cittadini, ci spinge a questa estrema forma di protesta. La legalità in questa città è morta e solo una mobilitazione di tutte le forze sane potrà, forse, farla risorgere». Secondo il coordinatore regionale Lazio UilTrasporti settore taxi Alessandro Atzeni è «ora di dire basta ai semplici annunci e spot, basta con l’abusivismo che penalizza e denigra i lavoratori che ogni giorno sgobbano al servizio della cittadinanza. Campidoglio e organi preposti al controllo, polizia locale di Roma Capitale compresa, comandata da Raffaele Clemente, continuano a negarci risposte su ogni problematica che danneggia gli operatori del tpl non di linea. Per questo oggi siamo a protestare sotto il comando generale della polizia locale, dando voce alla rabbia e alla speranza di 8000 tassisti che chiedono giustizia e rispetto delle regole che sempre più spesso, grazie all’inerzia del sindaco Marino, non vengono fatte rispettare. Lo testimoniano i risciò e le migliaia di macchine da noleggio con conducente con licenza di fuori comune che quotidianamente transitano all’interno della ztl romana».(ANSA).