TAXI: LUPI, SÌ ALL’INNOVAZIONE, MA UBER POP NON AUTORIZZATA

(ANSA) – ROMA, 1 LUG – Uber Pop e applicazioni simili, che attraverso smartphone danno vita a una sorta di servizio taxi ‘fai da tè, ricadono nei casi di «erogazione di un servizio pubblico non autorizzato». Lo ha affermato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi, a seguito di un incontro con le parti interessati, secondo quanto fa sapere una nota del ministero stesso. Lupi pur dichiarandosi a «favore» delle «innovazioni tecnologiche che migliorano la qualità del servizio» e la soddisfazione degli utenti, «anche attraverso nuove forme di servizi per la mobilità (come ad esempio il car sharing e il car pooling)» ha ribadito «il dovere delle istituzioni di tutelare la sicurezza della circolazione, degli utenti e il rispetto delle norme vigenti». Infatti, sul servizio pubblico di taxi e di noleggio con conducente, è stato istituito un tavolo tecnico, di cui fanno parte, oltre che i rappresentanti del dicastero stesso, anche i sindaci e i prefetti di Roma e Milano, e i presidenti delle Lazio e Lombardia. E oggi Lupi ha proprio incontrato i rappresentanti di Uber e di Letzgo, passando in ricognizione le normative internazionali sul tema. (ANSA). Y08 01-LUG-14 16:27 NNN