TAXI, DE LUCA (PD): SCRITTE DENIGRATORIE CONTRO ROMA, INTERVENGA ASSESSORE

(OMNIROMA) Roma, 30 LUG – «Sul lunotto posteriore di alcuni taxi di Roma, è apparsa una striscia gialla in grande evidenza, con la scritta ‘Roma Capitale dell’abusivismò. Una scritta gravemente denigratoria verso la città e in violazione dell’articolo 1 del Codice di Comportamento, al cui rispetto sono tenuti tutti i titolari di licenza di taxi». È quanto dichiara, in una nota, il consigliere di Roma Capitale Athos De Luca, membro della Commissione Mobilità. «Infatti all’art. 1 del Codice di Comportamento -continua De Luca – si dice testualmente che ‘il comportamento del conducente di veicoli adibiti ai servizi pubblici non di linea è improntato all’osservanza delle leggi, delle norme che disciplinano il servizio ed in particolare del Codice di Comportamento e della carta dei servizi, al rispetto delle Istituzioni e dell’Amministrazione che gli affida il servizio. Nell’espletamento del servizio il conducente deve far prevalere l’interesse pubblico sugli interessi privati propri ed altruì. Non si capisce a quale tipo di abusivismo ci si vuole riferire ma sicuramente si colpisce l’immagine di tutta la città, con una pubblicità molto negativa per Roma, città dove i tassisti lavorano e dovrebbe essere loro interesse darne una immagine positiva ai clienti e ai turisti. Una bella figuraccia per Roma che potevamo risparmiare». De Luca invita «l’assessore a richiedere la immediata rimozione di questi striscioni dai taxi ed eventuali misure disciplinari per la violazione dell’art. 1 del Codice di Comportamento della categoria. Secondo De Luca, certi comportamenti dovrebbero essere censurati dagli stessi tassisti e dai loro organismi di categoria».