TAXI, CODICI: «ILLEGITTIME TARIFFE PER AEROPORTI»



OMR0000 4 POL TXT Omniroma-TAXI, CODICI: «ILLEGITTIME TARIFFE PER AEROPORTI» (OMNIROMA) Roma, 07 apr – «Ancora una volta Codici punta i riflettori su una questione che da tempo continua a vessare i cittadini: l’aumento delle tariffe dei taxi. In particolare, ad esser elevate e illegittime sono le tariffe riguardanti le tratte da e per gli aeroporti. Ma quali sono i criteri secondo i quali vengono applicate tali tariffe? È la domanda a cui Codici cerca da tempo di dare una risposta». È quanto si legge in una nota di Codici. «Secondo la normativa, art. 4 della legge n.21 del 15 Gennaio 1992, titolata ‘Legge quadro per il trasporto di persone mediante autoservizi pubblici non di lineà; i criteri nel redigere i regolamenti sull’esercizio degli autoservizi pubblici non di linea sarebbero di responsabilità delle Regioni. La Regione Lazio ha dato ha dato seguito a tale delega con la Legge Regionale del Lazio n.58 del 26.10.1993, ma il Comune di Roma non ha regolamentato tale disciplina – commenta il Segretario Nazionale del Codici, Ivano Giacomelli -. Infatti, non esisterebbe alcuna delibera che individui i criteri per la definizione della tariffa dei taxi». «Pertanto, Codici si rivolge direttamente al Sindaco Alemanno e a tutti i consiglieri comunali al fine di farsi promotore di una modifica della Commissione Consultiva attualmente rappresentativa solo dei tassisti – continua la nota – La richiesta che l’associazione Codici fa alla Giunta Comunale è quella di predisporre una delibera in cui si mettano in evidenza i criteri per la formazione della tariffa e di istituire un organismo di vigilanza sull’operato del servizio reso ai cittadini». red 071132 apr 10

FINE DISPACCIO