TAXI, CODICI: «CALAMANTE CONVOCHI TUTTE ASSOCIAZIONI CONSUMATORI»

OMR0000 4 CRO TXT Omniroma-TAXI, CODICI: «CALAMANTE CONVOCHI TUTTE ASSOCIAZIONI CONSUMATORI» (OMNIROMA) Roma, 25 set – «È ovvio e legittimo che ognuno tenti in ogni modo di tirare l’acqua al proprio mulino, ma l’idea di aumentare le corse dei taxi in una città come Roma, quella con il rapporto popolazionemacchine più alto del mondo (732 autovetture per 1000 abitanti, secondo l’Agenzia ministeriale per la protezione dell’ambiente), se realizzata, trasformerebbe un servizio pubblico in un servizio più che di lusso. Lo sciopero di oggi, proclamato per rivendicare la revisione dei tariffari, suona dunque come una minaccia nei confronti dei cittadini (residenti ma anche turisti), già oberati di rincari di bollette e mutui». Così in una nota il Codici, Centro per i diritti del cittadino. «Aumentare di pari passo lo scatto alla partenza, lo scatto kilometrico e, cosa assai più preoccupante, quello orario, trasformerebbe il servizio taxi in lusso che in pochi si potranno permettere, – dichiara Ivano Giacomelli, segretario nazionale Codici – Posto che la Capitale, ad oggi, mantiene un costo relativamente accessibile per una corsa in taxi, se possiamo dichiarare accettabile la richiesta dell’aumento, per esempio, dello scatto alla partenza, (indipendente da fattori terzi), non possiamo tollerare l’innalzamento di quello orario. È un’autentica follia. È sotto gli occhi di tutti che Roma è la capitale del traffico e delle code, ma come si può pensare di aumentare lo scatto orario da 20,66 euro a 24,92: è impensabile. Codici chiede all’assessore Calamante di allargare la lista degli invitati al prossimo incontro con le associazioni dei tassisti del 27 settembre, a tutte le associazioni di consumatori, così da poter dar voce alla totalità dei legittimi interlocutori e non solo a quelli prediletti». red 252152 set 07