TAXI, CASSONE (PDL): CONOSCERE DIRITTO ED ECONOMIA PER PROPORRE

OMR0000 4 POL TXT Omniroma-TAXI, CASSONE (PDL): CONOSCERE DIRITTO ED ECONOMIA
PER PROPORRE (OMNIROMA) Roma, 27 ott – «L’Adoc dimostra sulla materia delle
tariffe dei taxi di non assolvere in modo equilibrato e compiuto il suo mandato
di rappresentante degli utenti. Per poter far questo occorre conoscere i diritti e i doveri di un prezzo amministrato quale è quello dei taxi, nonché minime nozioni di economia». Lo dichiara in una nota Ugo Cassone, consigliere
Pdl di Roma Capitale. «In primis, non solo non si può calmierare un prezzo di un servizio che ha costi di gestione a libero mercato, ma anche nel caso che si
introducano interventi pubblici per il contenimento delle tariffe, occorre avere uno strumento di analisi dei costi di gestione che soltanto dei tecnici all’uopo designati possono attuare – aggiunge – Infatti, in questa analisi si
potranno verificare le variabili o le costanti su cui intervenire
pubblicamente. Inoltre, trattandosi di un prezzo amministrato, non si può stabilire in modo superficiale che questo non debba essere aggiornato ai costi
di gestione: la Commissione di Congruità sta attuando questa verifica a tutela sia degli operatori che dell’utenza, per dare un costo equilibrato al servizio.
Ormai da tempo l’Adoc, e ad onore del vero anche altre associazioni di consumatori, su questa tematica hanno assunto un atteggiamento non analitico ma
pretestuoso, dove comunque per risolvere il problema del trasporto pubblico individuale si deve trovare un untore causa di tutti i mali». «L’economia viaggia indipendentemente dai desiderata dell’Adoc, ma gestisce la vita degli operatori, i quali non hanno altro strumento che quello di verificare interventi economici riequilibrativi di eventuali aumenti dei costi di gestione. È facile parlare del reddito di terzi soggetti, di ridurlo o di farci
interventi sopra per calmierarlo, un pò più difficile guardare la trave nel proprio occhio, che magari vede per qualcuno degli interventi pubblici che
permettono l’esistenza di associazioni, organizzazioni o quant’altro esiste»,
conclude. red 271349 ott 10
FINE DISPACCIO