TAXI, ADOC: «NON ACCETTABILE ORA AUMENTO TARIFFE»

(OMNIROMA) Roma, 21 set – A seguito degli incontri sulla questione del servizio taxi di Roma, l’Adoc ritiene «non accettabile, almeno in questa fase, la proposta di aumento della tariffa, sia per lo scatto alla partenza che per quelli successivi, che porterebbe a rincari anche del 40%». «È indispensabile che il Comune e i tassisti rispettino i principi del decreto Bersani – commenta in una nota il presidente dell’Adoc, Carlo Pileri – Riceviamo ancora lamentele di cittadini e turisti in difficoltà a trovare taxi a Termini nelle ore di punta, nelle giornate di pioggia è impresa ardua perfino parlare con i call-center, per cui registriamo attese anche di 20 minuti. Inoltre la mancanza di una rete di corsie preferenziali aumenta i tempi di percorrenza e i costi, con una corsa media in città di 12 euro siamo fuori dagli standard europei». L’Adoc ha chiesto a Comune e tassisti un impegno per rivedere l’intero sistema, garantendo una tariffa trasparente e l’applicazione del decreto Bersani. «Il servizio offerto è insufficiente – spiega Pileri – deve essere garantita una tariffa trasparente, in cui sia incluso il supplemento notturno e bagagli. La doppia tariffa dentro e fuori dal raccordo va abolita, è un danno soprattutto per i turisti. È da ridurre la tariffa minima per la tratta Fiumicino-Roma centro. Si devono aumentare le vetture circolanti, l’attesa media è di 8 minuti. In attesa di avere raggiunto questi obiettivi manteniamo la posizione di avversione a ogni proposito di aumenti tariffari». red 211644 set 07