ROMA: FEDERCONSUMATORI, TAXI DI NOTTE A METÀ RIDUCONO DIRITTO A MOBILITÀ

Roma, 1 lug. – (Adnkronos) – «Lo scenario che si prospetta per tutti coloro che volessero o dovessero spostarsi per Roma quando i mezzi pubblici sono meno frequenti o interrotti per la notte è davvero nero».Lo ha detto Claudio Paielli, presidente della Federconsumatori di Roma. «Se prima eravamo in 3375 a ballare l’Hully Gully – ha continuato – ora siamo in 1125 a ballare l’Hully Gully, fino alle due di notte? ma solo 375 dalle due alle sei del mattino. Questa potrebbe essere la colonna sonora dell’estate romana il tormentone per i cittadini ed i turisti romani, che, per quest’anno non giunge dalle hit o dal web, ma dalle radio dei tax. Il nuovo sistema orario determinato dall’Amministrazione Capitolina – ha spiegato Paielli -penalizza i giovani ed i cittadini romani che vogliono vivere la Capitale senza l’uso di auto privata. Non si devono dimenticare i turisti e tutti coloro che arrivano per lavoro nella Capitale e che si trovano a Fiumicino o a Termini in un orario in cui non vi sono mezzi pubblici». «L’orario notturno dei taxi va rivisto – ha concluso Paielli – ma anche questo primo passo non esime dall’assoluta necessità di proseguire nelle liberalizzazioni del servizio di trasporto persone con l’aumento immediato delle licenze e, se necessario, incrementando la concorrenza».