ROMA: BERRUTI (PDL), TIFO INTEGRALISTA NON UNIFICA TARIFFE TAXI FIUMICINO

Roma, 16 set. (Adnkronos) – «L’interrogazione al ministro del Turismo, Vittoria Brambilla, e a quello dei Trasporti, Altero Matteoli, presentata dai senatori Poretti e Perduca circa la necessità di uniformare le tariffe taxi all’aeroporto di Fiumicino, pecca di un falso storico e coinvolge responsabilità che dovrebbero essere indirizzate ad altri». Lo dichiara Maurizio Berruti, membro della commissione Mobilità del Comune di Roma. «La competenza sulla problematica di uniformare le tariffe dei taxi per la tratta Aeroporto di Fiumicino-Roma, sulla quale attualmente operano le vetture dei comuni di Fiumicino e Roma applicando tariffe diverse, l’una di 60 euro e l’altra di 40, è stata demandata con deliberazione lettera H comma 2 art. 130 della legge regionale 14/8 1999 ‘delega alle province l’adozione dei provvedimenti in caso di mancato accordo fra comunì. Quindi, la Regione Lazio, in base all’art. 8 del Decreto Legislativo n° 422 del 19 settembre 2007, ha delegato la Provincia di Roma ad affrontare l’argomento, si legga a tal riguardo l’articolo del Corriere della Sera del 7 aprile 2007 dal titolo ‘taxi a Fiumicino via la doppia tariffà a firma di Paolo Foschi, che si era resa disponibile nel Marzo 2007 ad intervenire qualora i due Comuni di Roma e Fiumicino non avessero uniformato le tariffe». Da allora, aggiunge, «nonostante non sia stato trovato un accordo fra i comuni interessati, la Provincia non è mai intervenuta come intimato a suo tempo disinteressandosi del problema. I senatori Poretti e Perduca, avrebbero dovuto ‘interrogarè il presidente Zingaretti e chiedergli di assumersi le sue responsabilità nella soluzione del problema e impedire che ‘questa iniqua differenza rischia di rappresentare un ulteriore motivo di discredito per il turismo nel bel Paesè, come dichiarato dai due senatori. Credo che Poretti e Perduca abbiano peccato non solo di pressappochismo, ma di una forma di tifo integralista che deforma la realtà e impedisce di capire sia i mali che i possibili rimedi». (Zla/Ct/Adnkronos) 16-SET-09 13:16