MILANO: La rivolta delle auto bianche

Botte. Scazzottate. Una serie di scontri nel piazzale di Linate: tassisti contro noleggiatori in regola contro abusivi. L’ ultimo, sabato scorso. Per i sindacati «la situazione è fuori controllo». I conducenti delle auto bianche sono in rivolta e lunedì manifesteranno davanti allo scalo: presidio e volantini per mettere in guardia i passeggeri dagli abusivi. «È un modo per dimostrare loro che le autorità non sono interessate ai loro diritti e al fatto che vengano truffati», spiega Giovanni Maggiolo, di Unica Taxi Cgil: «E visto che non si riescono a mandare via i tassisti abusivi, siamo anche pronti a presentare denunce alla Procura contro i responsabili», dall’ Enac al Comune, ai vertici di Sea, la società che gestisce l’ aeroporto. «Questa – avverte il volantino – non sarà una protesta isolata, siamo determinati ad andare avanti fino alla soluzione del problema». Gli scontri a Linate, aggiunge Claudio Severgnini (Acai) «si susseguono sempre più frequentemente per la mancanza di controllo da parte degli organi istituzionali sulle attività illecite». (a. st.)

Stella Armando