GENOVA: ‘IL SECOLO XIX’, RIVOLTA TAXISTI DOPO RAPINE PENSANO AD ARMARSI

GENOVA: ‘IL SECOLO XIX’, RIVOLTA TAXISTI DOPO RAPINE PENSANO AD ARMARSI = SEI ASSALTI IN 4 NOTTI, AUTISTI VALUTANO SE TRASPORTARE EXTRACOMUNITARI Roma, 30 ott. – (Adnkronos)- «C’è chi lo confessa sottovoce: ‘Qualcuno di noi si è stufato e ora gira con il ‘ferrò nel cruscottò. Dove il ‘ferrò è la pistola. Qualcuno, al volante del suo taxi, quasi si vergogna di quel che sta per dire, ma poi lo dice lo steso: ‘Stiamo pensando di non caricare più gli extracomunitari. Lo so che è un discorso rischioso, lo so che può essere scambiato per razzismo. Ma non è così, In realtà, a riscghiare siamo noì». A riferire la protesta dei taxisti genovesi dopo le sei rapine subite in quattro giorni, è «Il Secolo XIX» che riferisce come «coltello alla gola» due «maghrebini» hanno assalito diversi autisti di taxi. «La tecnica sempre la stessa -riferisce ancora il quotidiano genovese- coltello sullo zigomo: ‘Dacci tutto o ti tagliamo la golà. Tutte le vittime cedono. Solo una ha reagito, ma in quel caso il rapinatore era solo». «La sicurezza dei tassisti, soprattutto nelle ore notturne, ha sempre rappresentato -ricorda il giornale- un cruccio per l’intera categoria. Non è la prima volta nel corso degli anni che a Genova l’allarme esplode». (Rre/Ct/Adnkronos) 30-OTT-07 10:39 NNN