Fiumicino, nuova viabilità all’aeroporto: sosta gratis 30 minuti e traffico separato

ROMA – Cambia la viabilità alll’aeroporto di Fiumicino. Una vera e propria «rivoluzione» per i frequentatori dello scalo capitolino. Grazie a un piano infrastrutturale che ha richiesto un investimento diretto di Aeroporti di Roma
per due milioni di euro, l’accesso e l’uscita dall’aeroporto «saranno sicuramente più facili e – viene assicurato da Adr – più fluidi». Il piano si sviluppa in due fasi con interventi sul lato arrivi, ritenuto il più critico, entro il mese di giugno, e sul fronte partenze entro il mese di dicembre.

Otto i punti cardine del piano: innanzitutto, a partire dal 25 giugno, la possibilità di lasciare gratuitamente l’auto per 30 minuti (più 10′ di tolleranza per uscire dal varco) nei nuovi 80 posti dedicati al parcheggio Breve Sosta Multipiano A, situato nei pressi del Terminal 1, o nei 150
riservati di fronte al Terminal 3. La creazione, nelle adiacenze del Terminal 3 di una zona riservata ai bus in sosta, è la prima tappa di u riassetto della
viabilità, reso necessario dal traffico caotico che, nelle ore di picco, caratterizza gli arrivi e le partenze. «Questa fase – spiega Adr – fa parte di un disegno più complessivo di distribuzione e riorganizzazione degli spazi
destinati alla sosta e al flusso dei mezzi».

Così, la viabilità nell’area arrivi si divide in primaria e secondaria. Dal 25 maggio i veicoli privati saranno indirizzati sulla viabilità secondaria, mentre quella primaria, tre corsie separate da cordoli immediatamente adiacenti al
fronte aerostazioni, sarà esclusivamente destinata ai taxi, ai noleggi con conducente, alle linee gran turismo, ad autorità, enti di Stato e mezzi di soccorso, oltre che ai passeggeri a ridotta mobilità. Qui sono stati eliminati
tutti i parcheggi blu e sarà vietata la sosta ai privati.

E poi una nuova segnaletica: all’interno delle aerostazioni informerà i passeggeri sulle diverse modalità di trasporto e il relativo costo per raggiungere Roma, mentre sull’autostrada Roma-Fiumicino, ma non solo, già a
partire da 10 chilometri di distanza dall’aeroporto appositi cartelloni indicheranno come raggiungere i tre terminal dedicati alle varie compagnie aeree presenti.

Aree di sosta, denominate «polmone» e distanti circa 4 km dalle aerostazioni, sono riservate, oltre che ai taxi, agli autobus e agli Ncc (Noleggio con conducente: quest’ultimo, entrato in funzione a fine febbraio, ha fatto
registrare solo nel primo mese il passaggio di quasi 60 mila vetture). Tutti, prima di avvicinarsi ai terminal, attenderanno l’atterraggio degli aerei interessati e l’arrivo dei passeggeri.

Ottocento sono poi i cosiddetti «dissuasori di sosta» (blocchi di cemento legati l’un l’altro da catenelle) che verranno posizionati un pò ovunque «con
lo scopo di eliminare la sosta selvaggia e consentire più fluidità nel traffico». Per il parcheggio multipiano, nuove rampe d’accesso di fronte all’aerostazione.

«Il nuovo piano viario rappresenta un segno palese di discontinuità rispetto al passato, perchè finora il traffico davanti al Leonardo da Vinci era più simile a una situazione somala che a un aeroporto europeo. Insomma, non se ne
poteva più, si era raggiunto un livello di guardia ormai insostenibile»: così il direttore commerciale e marketing di Aeroporti di Roma, Marco Treggiari, ha presentato le novità che dal prossimo 25 maggio segneranno una rivoluzione per chi viene in aeroporto o da qui è diretto alla Capitale.

Sarà anche un «atto dovuto» verso tutti coloro che giungono a Roma, in particolare verso i 7 milioni di turisti stranieri che ogni anno sbarcano per
la prima volta al Leonardo da Vinci, «dove troveranno finalmente una viabilità esterna degna di un Paese civile». E, assicura ancora il dirigente Adr, senza
il rischio di disagi significativi durante la fase di rodaggio, perché il piano è stato realizzato con il coinvolgimento di tutti gli enti interessati, compresa una ‘certificazionè da parte di un primario istituto di valutazione,
il contributo dell’Anas e la collaborazione garantita degli addetti al traffico del Comune di Fiumicino e della Capitale.

Ma le novità non si fermano agli otto punti cardine del piano. Una delle più importanti per chi giunge a Fiumicino con la propria macchina (un terzo dei
viaggiatori, secondo i calcoli di Aeroporti di Roma, mentre altrettanti usano il treno e vetture di accompagno) sarà la possibilità, dal prossimo autunno, di entrare ed uscire dai parcheggi multipiano usando il telepass, senza bisogno di
fermarsi alla cassa ma leggendo su un display all’uscita il costo che verrà addebitato. E poi, ancora, dopo 17 anni una nuova sede per l’autonoleggio su mille metri quadrati comprensivi di una zona bar («la più bella d’Europa a
detta delle stesse società interessate»), nuovi loghi grafici per indirizzare i passeggeri verso il treno o il noleggio di autovetture, un grande bar caffetteria nella zona arrivi del Terminal 3 internazionale dal nome accattivante di «Vacanze Romane».

«Questo intervento sulla viabilità – conclude il direttore commerciale – è stato voluto in prima persona dal management di Adr, fortemente impegnato sul
contratto di programma. Avrà costo zero per i passeggeri, che anzi potranno usufruire di 30 minuti di parcheggio gratuito, mentre la società di gestione,
oltre all’investimento diretto di 2 milioni di euro, rinuncerà all’introito dei degli attuali ‘parcheggi blù valutato in circa un milione di euro l’anno».

Martedì 10 Maggio 2011 – Fonte Messaggero