ELEZIONI:ROMA; RUTELLI SI AVVICINA, PDL CERCA CANDIDATO/ANSA

POL S0A S41 QBXL ELEZIONI:ROMA; RUTELLI SI AVVICINA, PDL CERCA CANDIDATO/ANSA DECISIONI A GIORNI, PER LA PROVINCIA IN PISTA ZINGARETTI (PD) (di Rodolfo Calò) (ANSA) – ROMA, 16 FEB – Sul fronte delle candidature alla guida del Comune e della Provincia di Roma, si è registrata nel centrosinistra una pressione del leader del Pd Walter Veltroni sul vicepremier Francesco Rutelli affinchè rompa gli indugi candidandosi alla guida della capitale. E mentre il Partito del Popolo delle Libertà (Pdl) continua la ricerca di un proprio candidato per la capitale, sul fronte opposto il leader del Pd del Lazio, Nicola Zingaretti, ha annunciato la propria candidatura per la provincia di Roma. Rutelli, ex-Margherita e già sindaco di Roma per due consiliature negli anni Novanta, ha confermato che annuncerà «entro pochissimi giorni» se si candiderà o meno alla carica di primo cittadino della capitale: in queste ore è infatti impegnato a fare un bilancio di dieci giorni di visite compiute in diverse zone della città per ascoltare le richieste dei potenziali elettori, fondamentali per una sua decisione. L’indicazione è venuta dopo che Veltroni, nel pieno dell’assemblea costituente del Pd, aveva suscitato attese per un annuncio già in giornata: «Spero che nelle prossime ore – ha detto il sindaco uscente e leader del partito – sciolga la sua riserva Francesco Rutelli, che è la candidatura più autorevole per guidare questa città meravigliosa». Ad aver già deciso è invece Zingaretti, europarlamentare e segretario regionale del Pd: resosi disponibile già da quasi dieci giorni, solo oggi ha annunciato da Tivoli la propria candidatura a guidare una «coalizione di centrosinistra», comprendente quindi anche la Sinistra arcobaleno che si è detta subito «pronta», quantomeno, ad «un serio confronto programmatico». Si tratta di una candidatura annunciata però proprio nel giorno in cui Veltroni ha auspicato un’abolizione degli enti Provincia nei grandi Comuni metropolitani come Roma: un «nuovo modello istituzionale» che Zingaretti – noto soprattutto per il suo impegno politico e meno per essere fratello di Luca, l’attore interprete del Commissario Montalbano – si è detto pronto a contribuire a plasmare. Sulla sua strada però Zingaretti troverà almeno tre candidati del centrodestra, di cui il principale – quello del Pdl – è peraltro ancora da definire. Con la questione della collocazione dell’Udc risolta solo oggi, il leader di An, Gianfranco Fini, ha avvertito che il Pdl ha «ancora qualche giorno» per valutare la questione principale, ossia «la candidatura su Roma». Un partita in cui da giorni si segnala l’ex vicepresidente della Camera Giorgia Meloni (An), oscurata mediaticamente dalla mole di Giuliano Ferrara: un candidato definito «fantastico» dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, nonostante An, con Gianni Alemanno, abbia forti dubbi visto «il problema dell’apparentamento della sua lista» anti-aborto. Lo stesso Ferrara, oggi a Genova, ha evitato di affrontare apertamente la questione. È già certo da quasi una settimana che contro Zingaretti La Destra di Francesco Storace (anche lui candidato a sindaco di Roma), schiererà Teodoro Buontempo. Oggi poi l’Udc, guidata nel Lazio da Luciano Ciocchetti, ha sottolineato che avrà propri candidati su entrambi i fronti. (ANSA). CAL 16-FEB-08 21:03 NNN