ANTITRAST…LUPUS ET AGNUS

La decennale vicenda che vede l’Antitrust occuparsi continuamente dei taxi, rientra nella strategia che sta consegnando l’Italia e L’Europa in mano ai poteri  forti, dell’alta finanza, delle banche e della massoneria.

In questo quadro, non valgono le sentenze della Corte Europea che ha sancito la piena legittimità della territorializzazione dei taxi e degli ncc, non vale che la direttiva Europea Bolkestain del 2006 abbia escluso i taxi, gli ncc, gli autobus, le autoambulanze etc. da possibili liberalizzazioni. Lo scopo degli "utili" tecnocrati Europei  è semplicemente quello di eliminare ogni regola del diritto e consegnare una democrazia svuotata dei suoi principi, nelle mani dei più forti.

Ogni pretesto è buono per invocare la deregolamentazione del trasporto pubblico non di linea. Ora si approfitta delle "nuove" tecnologie per, falsando la realtà, ritenere che la modernità impone un diverso assetto degli ncc e dei taxi. Chi osa opporre il benché minimo dubbio viene tacciato come il retrivo che si oppone al progresso. Pochissimi (e non è casuale) hanno evidenziato che per esempio a Roma esiste già da tre anni un applicazione a gestione pubblica per  tablet e smartphone, lo 060609 per chiamata taxi che pone la Capitale fra i primi innovatori Europei. Tutto viene oscurato, ignorato per "mangiarsi" la democrazia, l’economia e la libertà dei cittadini. I meccanismi sono sempre gli stessi da millenni. La fiaba di Fedro "Lupus et agnus", ne è un esempio calzante.

Un lupo e un agnello, spinti dalla sete, si ritrovarono a bere nello stesso ruscello. Il lupo era più a monte, mentre l’agnello beveva a una certa distanza, verso valle. La fame però spinse il lupo ad attaccar briga allora disse: "Perché osi intorbidarmi l’acqua?" L’agnello tremando rispose: "Come posso fare questo se l’acqua scorre da te a me?" "E’ vero, ma tu sei mesi fa mi hai insultato con brutte parole". "Impossibile, sei mesi fa non ero ancora nato". "Allora" riprese il lupo "fu certamente tuo padre a rivolgermi tutte quelle villanie". Quindi saltò addosso all’agnello e se lo mangiò. Questo racconto è rivolto a tutti coloro che opprimono i giusti nascondendosi dietro falsi pretesti.

L’attacco non è solo sul servizio pubblico dei taxi, ma riguarda ogni piccola impresa Italiana. Il mantenimento della democrazia e della necessaria elasticità economica, nel nostro paese, unico al mondo è mantenuta e garantita proprio dalle piccole e medie imprese. La grande economia ha necessità di appropriarsi dei loro spazi di mercato, concentrarlo in pochissime mani e gestire i cittadini con un moderno sistema di schiavitù. Purtroppo non credo che gl’Italiani abbiano ben compreso quello che sta accadendo, se così non fosse, il "giullare" Renzi non avrebbe avuto quel successo elettorale.

In questo quadro sicuramente faranno risultare di tutto e di più, l’acqua del fiume sale da valle a monte, il cielo è verde ed i campi azzurri e così via, quindi quello che propone l’Antitrust è un perfetto quadro di manipolazione perversa della realtà, del diritto, dell’economia e delle regole, del resto vengono pagati benissimo per fare i Killer della democrazia.

 

Maurizio Berruti