rieti

ANSA/ SI FERMA SERVIZIO TAXI, SU PIEDE GUERRA ANCHE APP E NCC

ImmaginiUpload-NCC-TAXI

>> Alcuni a lavoro.Nodo tetti prenotazioni. Governo,patti mantenuti (di Marianna Berti) (ANSA) – ROMA, 23 MAR – Lo sciopero annunciato è andato in scena: taxi fermi in tutta Italia con cortei e concentramenti nelle grandi città. Ma non tutte le sigle sindacali hanno aderito alla protesta. Fin qui, tutto come previsto. Meno scontate erano le reazioni di Uber e Ncc al decreto contro gli abusi nel settore. La app, che collega autisti e clienti, ha giudicato la proposta «molto deludente». Sulla stessa linea anche l’associazione del noleggio con conducente, l’Anitrav, secondo cui il provvedimento «è penalizzante», tanto da prospettare un «fermo». Insomma la questione resta calda, anche se l’esecutivo rivendica quanto fatto: «Il Governo ha rispettato in pieno gli impegni assunti», dice il viceministro ai Trasporti Nencini. Ecco perché, ribadisce Nencini, «lo sciopero di oggi non ha alcun fondamento». Alla riforma del settore lavora anche il ministro per lo Sviluppo economico, Carlo Calenda: «Abbiamo fatto un buon accordo, poi protestare è legittimo», dice. Oltre al decreto interministeriale per contrastare chi viola le regole, è infatti in ballo anche la delega del ddl Concorrenza. C’è però una parte di tassisti che non ha aderito allo stop, è il caso di Uritaxi: il leader Loreno Bittarelli, sin dai primi minuti dello sciopero lancia l’allarme: «Ci sono poche auto in giro anche perché i tassisti hanno paura di ritorsioni da parte di chi sta facendo lo sciopero». Un attacco a cui rispondono in serata le organizzazioni che hanno proclamato lo sciopero, assicurando il «massimo rispetto delle regole». Unica Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Ugl, Federtaxi Cisal e Fast tpnl Confsal tengono a precisare come non ci sia stato alcun riscontro «sui presunti episodi di violenza». Solo, aggiungono, «una grande adesione», che l’Usb stima «all’80%», con picchi a Napoli e Roma. Adesso occhi puntati su mercoledì 29 marzo quando al ministero dei Trasporti è attesa la controproposta delle sigle sindacali. Da quanto si apprende, la questione che più sta a cuore ai tassisti sta nell’evitare che l’Ncc viaggi tutto il giorno, magari fuori dai confini per cui ha l’autorizzazione, forte di un pacchetto di prenotazioni. I sindacati delle auto bianche vorrebbe mettere dei tetti alle prenotazioni e avere più garanzie sul divieto per gli Ncc di prendere chiamate in corsa. Le associazioni che rappresentano gli Ncc ovviamente la pensano in maniera opposta, insistendo per abbattere il principio di territorialità che limita il servizio in determinate zone. Anche le ‘black car’ saranno sentite dal ministero il 29 del mese. Su un punto invece i problemi sarebbero stati superati, con il governo che ha dato la disponibilità a riscrivere il testo e in caso eliminare quel passaggio. Due righe la cui intenzione non era azzerare i ricavi per app e radiotaxi, o aprire a nuove forme di pagamento, ma contrastare gli abusivi, spiegano dal ministero. (ANSA). Y08-BAC 23-MAR-17 20:21 NNNN