rieti

FIUMICINO, SINDACATI TAXI: NUOVI EPISODI DI VIOLENZA, AVANZA DECLINO SETTORE

ImmaginiUpload-NCC-TAXI

(OMNIROMA) Roma, 15 GIU – «Nella giornata di ieri, presso lo scalo aeroportuale Leonardo Da Vinci, un operatore del servizio pubblico da piazza taxi, nel tentativo di effettuare il proprio lavoro, ha subito un aggressione fisica da parte di un noleggiatore che in modo improprio avete tentato di sottrargli una corsa con un utente straniero». È quanto affermano, in una nota, Uil Trasporti taxi, Ugl taxi, Federtaxi Cisal, Fast tpnl Confasal, Faisa Confail taxi, Fit Cisl taxi Lazio. «Nel sostanziale immobilismo delle autorità preposte al controllo, nonostante le ripetute denunce fatte dalle rappresentanze sindacali del settore più volte riprese dai media, l’aeroporto di Fiumicino continua ad essere terra di nessuno, come ampiamente dimostrato anche dalla rissa avvenuta alcuni giorni tra due noleggiatori, per questioni di viabilità. Una situazione similare si vive anche sul territorio della Capitale, dove nella notte scorsa un tassista è stato investito da un noleggiatore, fuggito e poi rintracciato dalle forze dell’ordine. In questa situazioni di totale anarchia, brilla l’assenza dei ministri Delrio e Calenda, dei quali abbiamo totalmente perso le tracce, dopo la sottoscrizione il 23 febbraio sorso di un intesa che prevedeva l’emanazione entro 30 giorni, di un decreto ministeriale per regolamentare il settore, in attesa di una riforma complessiva da farsi tramite apposta legge delega. D’altronde, così funzionano le italiche cose: con un emendamento al mille proroghe si legalizza il servizio Uber Black, facendo saltare una specifica causa intenta contro la nota multinazionale americana e si consente magicamente, alle migliaia di noleggiatori che da anni agivano nell’illegalità, di essere improvvisamente totalmente regolarizzati. Quello che avviene in questo settore – conclude amaramente la nota – dove quotidianamente si fa strame del diritto e delle regole, rappresenta perfettamente la parabole dell’inarrestabile caduta civile e morale del nostro paese, dove con la compiacenza di ampi settori del mondo politico, i furbi finiscono spesso con l’essere premiati a danno dei cittadini onesti. Nei prossimi giorni valuteremo l’organizzazione di una iniziativa di protesta sotto la prefettura, al fine di sensibilizzare la dottoressa Paola Basilone sul problema della sicurezza degli operatori del settore».